logo_Wifirst_bleu
Contatto

Dall'outsourcing alla ristrutturazione, i nostri consigli per un IT più sostenibile

Alessandro FENZL
29 set 2022

Gran parte dell'impronta di carbonio di una soluzione WiFi as a service è legata alla produzione e al trasporto delle apparecchiature di rete (principalmente access point WiFi e, in misura minore, switch). Tuttavia, esistono diverse soluzioni per una gestione più sostenibile del parco, che comportano un minor numero di nuove attrezzature e consentono di conciliare prestazioni digitali e transizione ecologica. Li esaminiamo.

Outsourcing della connettività come servizio: il primo passo

Di fronte alla pressione all'innovazione determinata dalla crescente importanza della tecnologia digitale nella nostra società, la risposta giusta non è sempre quella di correre verso lo standard più recente. In Wifirst, la chiave del servizio offerto risiede soprattutto nella consulenza fornita ai clienti (che li aiuta a pianificare a lungo termine) e nella progettazione ultraprecisa della rete. 

Infatti, la durata media dell'hardware di un sito Wifirst è di 8 anni contro i 4 anni dei nostri concorrenti. Ciò è dovuto alla natura stessa del nostro modello Waas. Wifirst è proprietaria delle apparecchiature e ha tutto l'interesse a investire nella loro sostenibilità per valorizzare gli oltre 200.000 dispositivi attivi (access point WiFi, switch, apparecchiature di terminazione di rete, Wifirst Box, ecc.) utilizzati in tutta Europa. Ciò comporta investimenti sostanziali nell'intelligenza dei propri sistemi informativi e nello sviluppo di software overlay per gli strumenti di distribuzione e supervisione e per la tecnologia QoS.

Lo stesso principio di "mutualizzazione" lo ritroviamo nello sviluppo delle soluzioni che offriamo ai nostri clienti. Dove alcuni moltiplicano le reti in base ai servizi, noi costruiamo reti condivise (guest WiFi, business e Iot) ottimizzando il numero di dispositivi, i costi e, naturalmente, l'impatto energetico.
 
Lan Convergente VS Lan non convergente

 

Questo principio di architettura WiFi condivisa e a minor consumo energetico si applica ovviamente a molti settori. Nel settore residenziale, ad esempio, dove operiamo da quasi 20 anni. Dietro le diverse tipologie di residenze che attrezziamo, si ritrovano gli stessi principi: comunità, condivisione, mutualizzazione e flessibilità con un obiettivo simile, ripensare il modo di vedere gli immobili grazie a una gestione attiva e assistita della proprietà. L'approccio consente ai gestori di strutture di offrire ai residenti un pacchetto integrato (acqua, energia, rete WiFi, accesso alle aree comuni, manutenzione, assicurazione e altri servizi) per le loro stanze o appartamenti privati.

Dove un'offerta individuale genera 36,6 kg di CO2 all'anno per abitazione affrontando solo la questione dell'accesso a Internet negli alloggi individuali, l'approccio "as a service" di Wifirst rappresenta solo 2,4 kg di CO2 all'anno per abitazioneper alimentare i servizi digitali per i residenti e l'ottimizzazione dell'infrastruttura sia in termini di esperienza collettiva che di gestione dell'edificio.

Circondarsi del partner giusto: il passo fondamentale

Come si vede, passare a un ambiente digitale più responsabile non significa rinunciare a un servizio innovativo. Significa scegliere il partner giusto, capace di consigliarvi le soluzioni esistenti in base alle vostre esigenze e in grado di valutare e ottimizzare il consumo energetico delle sue apparecchiature. 
 
Ad esempio, in Wifirst valutiamo il dispendio energetico delle apparecchiature distribuite per ridurre l'impatto sulla nostra base di clienti (che comprende più di 200.000 apparecchiature attive, supervisionate da più standard e più fornitori). Il risparmio energetico è già stato ottenuto grazie alle seguenti azioni, avviate nel 2016:
 
  • Modifica dei controller di rete proprietari. Risultato: riduzione da 250 Watt a 30 Watt per server.
  • Utilizzo di terminali WiFi a basso consumo energetico. Risultato: da 13 Watt a 5 Watt/unità.
  • Virtualizzazione dell'apparecchiatura Natbox, le cui funzionalità erano incorporate nella Wifirst box, al fine di limitare l'hardware impiegato e il consumo energetico.

Abbiamo anche stabilito una gestione circolare delle nostre attrezzature, ricondizionandole non appena possono essere riutilizzate. Abbiamo migliaia di terminali WiFi 4 e WiFi 5 in magazzino, ricondizionati e funzionanti al 100%. Le apparecchiature obsolete vengono riciclate nei centri di raccolta locali per recuperare i materiali e ridurre l'impatto di carbonio degli spostamenti.

gestion-circulaire-matériel-IT

È grazie a questa economia circolare che siamo in grado di offrire un WiFi eco-responsabile ai clienti che condividono il nostro impegno per la riduzione dell'impronta di carbonio,e allo stesso tempo vogliono beneficiare di offerte leggermente più convenienti. 

 

Passare al WiFi ricondizionato: un gesto forte e con costi ridotti senza compromettere la qualità

Quando Wifirst implementa o riallestisce una rete presso un cliente, i team installano nuove apparecchiature per distribuire il WiFi. Pertanto, smantelliamo le apparecchiature attive (access point e switch) che sono perfettamente funzionanti e che proponiamo di reinserire nella produzione attraverso un'offerta eco-responsabile. Questo tipo di WiFi sostenibile soddisfa i requisiti di larghezza di banda limitando al contempo l'impatto ambientale dell'infrastruttura di rete,Il suo valore aggiunto risiede nel know-how e nell’intelligenza artificiale costruita dai nostri team di ricerca e sviluppo. 

Ad esempio, per la maggior parte degli hotel, il WiFi 4 (fino a 600 Mbps per access point) e il WiFi 5 (5,3 Gbps teorici) sono perfettamente adatti. Quando analizziamo le valutazioni di soddisfazione del WiFi su booking, ci rendiamo conto che alcuni degli hotel WiFi 4 che equipaggiamo sono in cima alle classifiche!

Un altro esempio è il progetto Buropolis, dove l'associazione Yes We Camp ha scelto di installare un sistema WiFi ricondizionato in un edificio di 16.000 m² a Marsiglia per creare un centro di coworking artistico.

Yes We Camp è stata attratta dalla nostra offerta di Green IT per ragioni sia di valore (responsabilità ambientale) che di costo. Concretamente, abbiamo collegato l'edificio a Internet mediante la posa della fibra ottica e l'installazione di access point ricondizionati, in questo caso 23 access point Aerohive AP-250 ad alta densità WiFi 5 che avevamo già utilizzato per un altro cliente. L'installazione ha richiesto solo poche settimane e fornisce agli artisti residenti un WiFi completamente gestito con la larghezza di banda necessaria in tutto l'edificio.

Ottima esperienza con Wifirst, il cui team è stato molto professionale in tutte le fasi del progetto. Un vico complimento per l'idea di utilizzare attrezzature ricondizionate, che, al di là degli innegabili vantaggi economici, è davvero in linea con il desiderio di frugalità ecologica promosso da Yes We Camp". testimonia Raphaël Haziot, coordinatore del progetto Buropolis